sabato 18 ottobre 2014

CANDELE STRUTTO & CERA D'API .....come ho fatto

Premetto che tutto ciò che scrivo è frutto di esperienza ed esperimenti personali, ricerche e "studi" in rete; ringrazio in particolare il gruppo fb "Le mie candele" che oltre a farmi conoscere persone stupende mi ha permesso di approfondire l'argomento e confrontarmi con loro! Grazie!

Le mie candele sono di pura cera d'api o di cera d'api e strutto come in questo caso.
La percentuale che utilizzo è 60% cera d'api - 40% strutto ma la percentuale può variare a piacimento.


OCCORRENTE:

- CERA D'API: dona durezza;

- STRUTTO: più morbido e oleoso;

- CONTENITORE, VASETTO DI VETRO, BICCHIERE.

- PENTOLINO per sciogliere la cera e per il bagnomaria;

- PASTELLI A CERA O A OLIO per colorare (usare coloranti a base oleosa altrimenti non si                                                                     amalgameranno);

- STOPPINO: in cotone, acquistabile o riproducibile intrecciando fili di cotone;

La misura dello stoppino E' FONDAMENTALE per la buona riuscita della candela e varia in base al diametro del contenitore scelto.
..................................................................................................................................................................
ES: stoppino intrecciato 48 (n° fili di cotone) per candele diametro 4-5
       stoppino intrecciato 72 (n° fili di cotone) per candele diametro 5-7 cm
       stoppino intrecciato 105 (n° fili di cotone) per candele diametro 9-10 cm
..................................................................................................................................................................
Se utilizziamo uno stoppino sovradimensionato assorbirà troppa cera e produrrà del fumo, al contrario uno stoppino troppo piccolo affonderà nella cera sciolta dopo poco tempo.

Questa è la linea generale, va specificato inoltre che per candele di sola cera d'api occorre sempre utilizzare uno stoppino leggermente sovradimensionato.

- GRAFFETTE PORTA STOPPINO: facoltative ma indispensabili per candele alte oltre  5 cm;

- BASTONCINI O MOLLETTE PER FISSARE LO STOPPINO.

-  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -  -   -  -  -  -  -  -  -  -  -

E ora.....si crea!!


Sciogliere cera e strutto preferibilmente a bagnomaria per evitare che il calore troppo forte e diretto incendi la cera. (La cera d'api fonde a 62°-64° gradi)



Preparare lo stoppino della misura adatta al nostro contenitore, immergerlo nella cera sciolta, e lasciarlo solidificare unendovi il porta stoppino.





Posizionare lo stoppino al centro della candela (potete utilizzare un pò di colla per fermarlo sul fondo) e ancorarlo con lo stecchino o una molletta.







Versare lentamente la cera sciolta nel bicchiere e attendere che si solidifichi.

Si potrebbe immergere il fondo del bicchiere in acqua fredda per facilitare l'operazione di solidificazione ma non mettere la candela in frigorifero o freezer pena la rottura della stessa o la comparsa di crepe in superficie.











Se vogliamo colorare la candela aggiungiamo una punta di pastello a cera nella cera sciolta e mescoliamo bene. 

Versiamo la cera colorata a strati o come più ci piace!











In ultimo, quando la candela è totalmente solidificata, tagliamo lo stoppino a mezzo centimetro dalla cera. 
Accendiamola e godiamoci lo spettacolo!






Non ho aggiunto profumazioni alle candele in quanto mi piace l'odore naturale della cera d'api ma se volete profumarle potete aggiungere oli essenziali a piacere nella cera sciolta prima di versarla nel contenitore!
Si possono aggiungere anche varie decorazioni quali conchiglie, fette di arancia essicate, stecche di cannella o fiori secchi.

Spero che questo tutorial sia utile e se avete qualsiasi domanda non esitate a chiedere!

Un abbraccio! E buone candele a tutti!!

P.S. Grazie anche alla mia amica Silvia che ha tanto insistito per farmi fare candele..per lei! :-*










Nessun commento:

Posta un commento